È possibile apprendere in modo semplice e ludico una lingua dei segni di base adatta a tutti.*

Uniwording App

 

Chiunque nel mondo ha l’oppotunità, partendo dalla propria lingua, di apprendere in modo semplice i segni Uniwording.
L’App è strutturata in diverse sezioni tematiche che aiutano l’apprendimento in modo intuitivo e ludico.
Di conseguenza sarà molto più facile la condivisione e la possibilità di comunicare in modo molto più ampio con persone di lingue e culture differenti e con i sordi.

Carte da gioco

 

È un gioco di carte per imparare singolarmente, in coppia o in gruppo, ed è ideato con regole semplici che permettono di rendere efficace la memorizzazione dei segni. Durante i corsi si è constatato quanto il gioco di carte crei simpatia e permetta in poco tempo di apprendere diversi segni.

Libro dei segni

 

Si tratta di segni Uniwording collezionabili in libri illustrati. Il prodotto è in grado di arricchire in modo fantasioso l’apprendimento dei segni.

*I prodotti didattici citati riguardano il work in progress del progetto Uniwording. Clicca per vedere il materiale già disponibile

Uniwording è una lingua dei segni ausiliaria che non sostituisce le altre lingue dei segni e tutte le lingue parlate, anzi può arricchirle. Semplicemente rende la comunicazione più efficace e fluida in presenza di barriere linguistiche.

Inoltre è possibile comunicare meglio in situazioni particolari: per esempio in viaggio, oppure nell’accoglienza di persone straniere o in particolari ambiti professionali dov’è necessario rapportarsi con gli altri in lingue diverse.

 

È possibile imparare la lingua dei segni già nella prima infanzia. Oltre a sviluppare maggiore capacità cognitiva, si crea un migliore sviluppo inclusivo e culturale.

Sviluppo del progetto

Si è deciso di dare il nome Uniwording ad una lingua signica nuova, di sintesi. Per crearla, sono stati presi a prestito i segni dalle molteplici lingue dei segni utilizzate nel mondo dai sordi. Per ogni parola del vocabolario Uniwording, è stato scelto il segno “ideale”, ossia quello che, fra i tanti disponibili, è risultato il più idoneo per una memorizzazione veloce e duratura.

Nel 2012 è stata fondata l’associazione no-profit Uniwording e si è avviata una consultazione di esperti di lingue dei segni (udenti e sordi) e professionisti di diversi settori didattici. Dopo il periodo dello studio di fattibilità, le attività del team si sono concentrate sull’elaborazione del modello di lingua dei segni unificata Uniwording, e sulla creazione del corrispettivo vocabolario signico, che inizialmente contava solo 1000 segni.

Negli anni successivi, facendo tesoro della precedente fase di ricerca e di valutazione degli obiettivi del progetto, si è potuto concretizzare una fase sperimentale attraverso i corsi di lingua dei segni Uniwording con adulti (corsi per adulti DECS) e bambini (corsi di dopo-scuola in classi elementari).

I partecipanti hanno sempre manifestato un grande entusiasmo partecipativo, e nessuno fra i circa 250 iscritti nell’arco dei tre anni del test aveva mai avuto a che fare con casi di sordità in famiglia.

L’ insegnante non udente (Boban Velikovic) è entrato nel team Uniwording con una fortissima motivazione personale: l’idea che la sua lingua dei segni possa mischiarsi con tutte le altre lingue dei segni del mondo, per formare la lingua dei segni Uniwording, gli sembra fantastica.

Grazie ai feedback ricevuti, è stato possibile raccogliere impressioni, spunti e informazioni utili al proseguimento del progetto. Inoltre, si è iniziato un lavoro di ricerca per misurare il gradimento fra le persone udenti dell’idea Uniwording.

Dopo aver sviluppato una serie di prototipi di supporti didattici cartacei e averli testati nei corsi e con il focus group dell’associazione, è stato elaborato un modello didattico originale, con il marchio Uniwording, che si intende rendere digitale attraverso l’App.

Il vocabolario Uniwording nel frattempo è stato ampliato ed è stato creato il video-vocabolario. Attualmente si contano più di 1500 segni. Si elaborano i raggruppamenti tematici dei segni, che verranno implementati nelle svariate sezioni di apprendimento: per chi viaggia, per affrontare emergenze sanitarie, per comunicare ad uno sportello, per fare un’ordinazione al ristorante, …

Nell’immediato si prevede la stampa delle Carte e delle Carte-Memory, per una prima diffusione dell’ idea Uniwording su territorio svizzero, e si intende elaborare un studio particolareggiato del progetto Uniwording Academy.

Nel futuro post-immediato: grazie all’App Uniwording, questa lingua dei segni di tutti camminerà nel mondo.